domenica 4 ottobre 2009

NO COMMENT...

NON CI POSSO CREDERE......

Ma che cosa è successo al NOSTRO "MONDOAILATI"......

Non esiste più nulla, apparte link utili e diritti e doveri....

Non so per quale motivo...ma credo sia stata una benemerita stronzata creare un nuovo sito per COMUNICAZIONE E DAMS, svuotando il nostro mondoailati....
VISTO CHE FSCC ANCORA ESISTE....DA LUNEDI' INIZIERA' IL 3 ANNO DI FSCC E ALLORA PERCHE' DIAMINE CREARE STO SCHIFO....Se mi occorre conoscere l e-mail di un mio prof. come faccio se il link nel sito non esiste più?????

SONO VERAMENTE DELUSA.......e proprio vero ci hanno messo come ultima ruota del carro....ma BIP BIP....

martedì 29 settembre 2009

La posta in onda

in Impostazioni > Email & cellulare

Opzioni posting

(Noto anche come Mail2blogger)
complementisperimentali.@blogger.com

Utilizza questo indirizzo per pubblicare testo e immagini (dimensioni massime di 10 MB) direttamente nel tuo blog.




Dispositivi mobili

Scrivere

Emma: Scrivere è molto importante e io credo che il linguaggio possa essere facilitato dalla matematica. Se devi spiegare come si costruisce un rettangolo che ha la base tripla dell’altezza, questo è più facile che raccontare un’esperienza che hai vissuto. Così la matematica può facilitare un uso corretto del linguaggio, perché ci sono da adoperare poche parole, ma in modo chiaro e sintetico. In questo modo, tra l’altro, si possono aiutare oggi anche i compagni non italiani che ci sono in numero sempre maggiore nelle nostre scuole. E vengono facilitati anche i compagni italiani, perché si abituano a parlare bene l’italiano, con poche parole. Oggi, che sono sempre meno coloro che sanno dire correttamente due parole di seguito, questa è una cosa importantissima. La matematica può aiutare a parlare bene l’italiano. Non una matematica fredda, naturalmente, ma una matematica appresa con i materiali, di cui poi si possano verbalizzare i passaggi e le scoperte fatte con poche parole semplici, chiare, legate all’esperienza.
Mani, cervello e democrazia
http://emmacastelnuovo.ning.com/profiles/blogs/lofficina-matematica

giovedì 24 settembre 2009

primo giorno bis

video

video

C'è un generale che stabilisce i blocchi stradali

Per l'armonia della vostra figura,
Italia, è caduta la neve sul mondo
imbiancando le vergogne del tempo.
Avevo bisogno di emozioni
(candelotti di Frosinone per le fumate)
per rinnovare l'intera società:
è ancora una volta la tattica
del principe al lume di candela.
Guarda la realtà: parlano le pareti.
L'amico minacciato di morte,
morte di antica tradizione,
cita a giudizio la storia di Roma
interrogando San Pietro.
Sono gli uomini che piantano,
per desiderio di potere,
la dubbia presenza dell'individuo.
Nessuna previsione è possibile.
Circolava un tempo la poesia,
senza parole, per le vie della morte.
Einaudi da Petrarca a Tobino
sgozza la moglie e si ammazza
è anche la moglie dell'assassino
la tinta brillante del fusto
è il falso allarme sulle condizioni
è un giro vizioso e cretino.
E' oggi il tempo della donna
senza voli e senza pugni.
I maschi sepolti vivi
consentiranno il viaggio ai bambini.
Ho fatto uccidere la giovane moglie
del procuratore del re:
mi assolverete con molte grazie.
Per l'armonia della vostra figura
Italia, mia patria assassinata,
gozzerò tutte le donne del mondo
in un grande campo di grano.
Per la nostra educazione umana
per il drammatico scontro dei pensieri
per il minacciato valore individuale
per la politica degli apparati falliti
per il solo coltello nascosto nel bosco
per il senso morale dello spirito bloccato,
la fortunata corsa musicale del territorio
eluderà le truppe di pace e di guerra.
È la minaccia che incombe su Roma
accanto al corpo del padre morto:
che si riapra il sipario sopra la madre
e ne denudi le prostitute fattezze.

Lunga attesa e calunnie non molleranno
l'impudica e sadica ricerca
del bambino di sette anni scomparso:
né canterà l'esecuzione del duca spagnolo,
né mai piú canterà l'usignolo.

La purezza då voti perduti domenica
—nevicate, trombe d'aria, allagamenti—
è come una giovane sposa implorante
(di stupidità universale) l'esordio sessuale.

Nella stanza dove l'uomo giaceva,
ansioso di vita e di grandi parole,
c'è una prova costante e formale
di felice tormento per le vane speranze.

Sono i ladri degli uffici postali
che tengon viva la tensione mondiale;
la magistratura si lamenta, ha paura,
per tre giorni corre a piedi In pianura.

C'è un generale che stabilisce i blocchi stradali
c'è una stufa che scoppia e matura dei cachi:
moriran come bruchi i giornalisti
maiali ingoiando la vita condita coi bachi.

É per la nostra educazione umana
per il drammatico scontro dei pensieri
per il minacciato valore individuale
per la polinca degli apparati falliti
per il solo coltello nascosto nel bosco
per il senso morale dello spirito bloccato,
che dove si restringe il campo con la coda
resta al poeta un suo pensier dettato.

Ma quando in Europa si fa sentire il vuoto
andate allora in Etiopia o in Venezuela:
là troverete una giovane sposa
che corteggia la fidanzata del figlio.

D'autunno

Il terzo giorno risuscitò

Finale d'esami

lunedì 21 settembre 2009

primo giorno

video

Il giorno del "Giudizio Finale" è arrivato...21 Settembre 2009!

sabato 19 settembre 2009

PRESENTAZIONE MY BLOG...







vi aspetto cari colleghi e amici !!!


christian

Presentazione blog di Eleonora Costa

hai fatto il blog, io dico" e allora?"

i blog in se stesso non servivano a nulla: l'idea era di usare i blogspot, i gtalk, le email per fare NETWORK, per lvorare insieme sperimentare la comunicazione telematica, va bene?
se non hai capito questo in sei mesi, di cosa parliamo?
abbiamo parlato ad ogni piè sospinto di questo, in tutte le sedi in tutti i modi.

hai fatto il blog, io dico" e allora?"

giovedì 17 settembre 2009

Leggete il testo di PRIVACY risponderà a molti...

TESTO Ain’t the pictures enough, why do you go through so muchTo get the story you need, so you can bury meYou’ve got the people confused, you tell the stories you chooseYou try to get me to lose the man I really amYou keep on stalking me, invading my privacywon’t you just let me be‘cause you cameras can’t control, the minds of those who knowThat you’ll even sell your soul just to get a story sold[CHORUS]I need my privacy, I need my privacySo paparazzi, get away from meSome of you still wonder why, one of my friends had to dieTo get a message across, that yet you haven’t heardMy friend was chased and confused, like many others I knewBut on that cold winter night, my pride was snatched awayNow she get no second chance, she just ridiculed and harassedPlease tell my whyNo there’s a lesson to learn, respect’s not given, it’s earnedStop maliciously attacking my integrity[CHORUS]Now there’s a lesson to learn, stories are twisted and turnedStop maliciously attacking my integrity[CHORUS x 3]


TRADUZIONELe foto non sono abbastanza, perché vi spingete così oltre?Per avere quella storia che vi serve tanto per sotterrarmiConfondete le persone, raccontate solo le storie che volete voiCercate di cambiare l’uomo che sonoContinuate ad inseguirmi, invadendo la mia privacyVolete lasciarmi in pace?!Perché le vostre macchine fotografiche non possono controllare le menti delle personeChe vendereste persino l’anima per vendere un articoloRitornello:ho bisogno di privacy, ho bisogno della mia privacypaparazzi, lasciatemi starealcuni di voi si chiedono ancora, una delle mie amiche è dovuta morireperché il messaggio fosse chiaro, ma voi non l’avete ancora capitola mia amica era inseguita e confusa, come tanti altri che ho conosciutoma quella fredda sera d’inverno, il mio orgoglio è stato squarciatoora lei non ha più chance, ha avuto il danno e la beffaper favore ditemi perchéora c’è una lezione da imparare, il rispetto non si regala, ma si guadagnasmettetela di attaccare la mia integrità malignamenteRitornelloOra c’è una lezione da imparare, le storie vengono cambiate e distortesmettetela di attaccare la mia integrità malignamenteRitornello 3 volte

PRIVACY

Su elleboro si parla di PRIVACY...ecco un omaggio al dibattito...


video

martedì 15 settembre 2009

DOPO MISS ITALIA70 ...SANREMO 60


Amici e colleghi...ieri sera dopo la proclamazione di MISS ITALIA numero 70 (CALABRESE URRA''''), è iniziata l'attesa per un'altra trasmissione televisiva di cui tutti parlano già da un bel pò di mesi prima ovvero IL FESTIVAL DI SANREMO che quest anno tocca il sessantesimo anno di età....


vi invito a guardare il mio blog:





AGGIORNAMENTI :
CHI CONDURRA' LA NUOVA EDIZIONE?
GLI ASCOLTI SARANNO ALL'ALTEZZA DELLA STUPENDA EDIZIONE 2009 DI BONOLIS?
SANREMO è SUPERATO? MEGLIO AMICI E X-FACTOR ?

UN SALUTO E UN APPROFONDIMENTO SU UN CONDUTTORE CHE PER BEN 11 VOLTE HA CALCATO IL PALCOSCENICO PIù DIFFICILE DELLA TV IL GRANDE MIKE


E UN SONDAGGIO NUOVO....



CI VEDIAMO SUL MIO BLOG....PERCHè SANREMO è SANREMO

domenica 13 settembre 2009

Padre e figlia ... cortometraggio...

VI INVITO A GUARDARE IL VIDEO...

video

mercoledì 9 settembre 2009

Presentazione del Blog di Martinez Patrizia.

SENZA PAROLE ...


...UN ARRIVEDERCI...MR. ALLEGRIA...







QUESTA IMMAGINE è STATA RICAVATA DA TVBLOG.IT

venerdì 4 settembre 2009

Appello di settembre e lauree magistrali (vedi post di sotto ;) )

"appuntamento lunedì 21 settembre 09 alle 15 nel lab: risolta la questione delle date utili alle lauree.
a presto
Orazio Converso"

Dunque, anche per chi deve iscriversi alla magistrale, tutto a posto anche così, colleghi e amici! :)

appello di settembre

Salve a tutti!
Avviso per i laureandi di ottobre, che intendono presentare domanda per un corso di laurea magistrale in ottobre- novembre stesso:

il bando pone come vincolo quello di aver conseguito i crediti di TUTTI gli esami del proprio piano di studi
ENTRO IL 19 SETTEMBRE 2009.

Dunque, il professor Converso mi dice di avvertire chi, come me, si trova in questa situazione, per sostenere i suoi appelli NELLA MATTINA DEL 19 SETTEMBRE.

Grazie per l'attenzione, guys and girls! ;)

mercoledì 2 settembre 2009

cultura libera? is it possible?

Ciao a tutti!
un commento di Pina ha dato il la per affrontare la questione dei diritti d'autore!

Musica libera finalmente? è possibile? o continuiamo con il " ciucciariello " emule?


25 euro per un cd originale e per un buon libro a vita, o troviamo altre strade?

Il fenomeno del COPY LEFT

SE tu fossi un cantante, lo accetteresti?

;)

http://scenaindie.blogspot.com/

martedì 1 settembre 2009

Dibattito musicale per noi GGGGggggiovani.

Ricominciamo la stagione con un dibattito stimolante!
PIRATERIA MUSICALE e prezzi proibitivi della musica.....

per chi pensa sia giusto rispettare i diritti d'autore e la SIAE e per chi invece vorrebbe una musica libera....
per cosa propendete??

;D



http://scenaindie.blogspot.com/

lunedì 31 agosto 2009

Volgarità, conformintà, mediocrità e sopraffazione...


Nella stagione appena passata abbiamo visto una TV dove a dominare non è certo stata la qualità, ma nemmeno la varietà dell'offerta: su qualsiasi rete ci si trovasse la costante erano risse, urla, volgarità e mesaggi dove ad essere premiata era l'assoluta mediocrità.


Una cattiva maestra, insomma, e analizzando i palinsesti per la stagione che sta per cominciare le cose sembrano ancora peggiorare. La tv deve CAMBIARE, bisogna puntare sulla tv che non c'è, ovvero su programmi pensati e crati ad hoc per le diverse tipologie di pubblico, ma soprattutto una tv che non trascuri la qualità e che non trascuri la qualità e che ricominci ad essere un modello positivo.


e voi cari amici, cari colleghi che ne pensate ???

avviso per tutti...

La redazione informa:
elleboro è stato riaperto ed è fondamentale INTERAGIRE su questo...oltre che ovviamente continuare il proprio lavoro personale su blogspot!
Sono già stati aperti due forum:

Potete aprirne di vostri o semplicemente commentare quelli che di volta in volta saranno "aperti".
Buon lavoro a tutti



mercoledì 26 agosto 2009

[ellEbOro's Tales] Lei mi ricorda un tale


new!
Lei mi ricorda un tale / Un tale, chi? / Uno che ci sa fare / Sa fare che? / Con uno come lei.

martedì 25 agosto 2009

My Photo

[spam] EROTIC EXOTIC DREAM

Captcha (sei iscritto/a al googlegroup?)
Di Marco Antonio Mauro - 14 Ago - 4 autori - 7 risposte
SEXY LADIES THICK GIRLS ASS BOOTY SEX PORN XXX
Di jee - 14 Ago - 1 autore - 0 risposte
Teen Sex Pictures - Nude Girls, Sexy Teens, Free Porn, Teen ...
Di meera raja - 13 Ago - 1 autore - 0 risposte
Cosmo Guy is the ultimate place to get the latest news on the Sex and the City Movie Sequel.
Di ranji - 13 Ago - 1 autore - 0 risposte
EROTIC EXOTIC DREAMY ETHEREAL PASSIONATE HOT SEXY DIRTY

ho provato l'installazione di ReCHAPTA dal modulo di amminsitrazione.
mi ha detto OK, che le tabelle son ostate create...
ma poi, ricaricando la home:
To use reCAPTCHA you must get an API key from http://recaptcha.net/api/getkey
(----)

che errore ho commesso?

http://tecnichedianalisi.blogspot.com/2009/08/i-testi-antichi-hanno-un-futuro-li.html?zx=bea85bed42e7b5e7 - I testi antichi hanno un futuro / "Li salverà un metodo antispam"

lunedì 24 agosto 2009

l'Omino Rosso

domenica 23 agosto 2009

Dal mare...Le mie foto

ide come "terrificanti" o "folli"

LA STORIA Alla Singularity University si formano i leader del futuro - Ideata dal futurologo Ray Kurzwell e sponsorizzata da Google, promette di formare una nuova generazione in grado di interpretare al meglio l'evoluzione tecnologica e le sfide dell'umanità. Per i primi 40 ammessi le lezioni sono già iniziate nel Centro Nasa di Ames, in California di ROSALBA CASTELLETTI
UNA SIMULAZIONE di volo in una macchina da 100 milioni di dollari al mattino e seminari con il "padre" di Internet Vint Cerf o con il Nobel per la fisica George Smoot al pomeriggio, giochi in stile Pictionary per favorire "idea storming" e sofà per rigeneranti "worksleep" durante la "ricreazione". Scorrono così le giornate dei 40 studenti ammessi al corso inaugurale della Singularity University, la scuola sponsorizzata - tra gli altri - da Nasa e Google che promette di "riunire, educare e ispirare una nuova generazione di leader" su come nei prossimi decenni la tecnologia aiuterà l'umanità a debellare povertà, carestia, malattie e cambiamenti climatici.

Obiettivo ambizioso e ottimistico, come del resto il suo creatore: Ray Kurzweil. Mosso sin da bambino da un'ardente fiducia nell'immenso potenziale del futuro, a cinque anni voleva fare l'inventore e a 15 già progettava software per Ibm. Oggi che di anni ne ha 61 - "ma 40 biologicamente", tiene a precisare - è uno dei più brillanti e controversi futurologi del mondo.

La "singolarità" che dà il nome alla scuola è quella che egli stesso teorizzò cinque anni fa nel libro "La singolarità è vicina": una crescita esponenziale della tecnologia che entro la metà del secolo darà vita a una società dove l'intelligenza artificiale supererà quella umana e sarà in grado di risolvere qualsiasi problema, dalla scarsità di risorse energetiche alla fame nel mondo.

Se in passato c'è stato chi ha liquidato queste sue ide come "terrificanti" o "folli" come ha fatto il Premio Pulitzer Douglas Hofstadter, il fondatore di Microsoft Bill Gates lo definisce "la migliore persona che conosca nel predire il futuro dell'intelligenza artificiale". Del resto Kurzweil dieci anni fa, in "L'età delle macchine spirituali", aveva profetizzato la connessione wireless, le memoria flash, le transazioni finanziarie al pc e i traduttori online: cose che nel 1999 sembravano astruse speculazioni, mentre oggi fanno parte della nostra quotidianità.
Quando due anni fa ha parlato con Peter Diamandis - presidente della "X Prize Foundation" che sponsorizza progetti per lo sviluppo dell'umanità - della sua idea di una scuola che "esplorasse in profondità le tecnologie in crescita esponenziale, creasse connessioni tra loro e applicasse queste idee alle grandi sfide a cui farà fronte l'umanità", non ha perciò faticato a conquistare il suo appoggio. In breve ha poi trovato il sostegno non solo dell'International Space University cofondata da Diamandis, ma anche di Google che sulla sua "SingularityU" ha scommesso quasi un milione di dollari. La Nasa invece ha offerto come sede dei corsi il suo Centro californiano di ricerca di Ames, nel cuore della Silicon Valley, tra i quartier generali di Google, Yahoo! e Intel.

La Singularity University non è una vera e propria Università - non ha ottenuto il riconoscimento federale e non rilascia alcun certificato di laurea - né un dottorato di ricerca, eppure in pochi mesi le domande d'iscrizione al primo ciclo di corsi per "studenti laureati" sono state oltre 1200 da tutto il mondo. Numerose se si tiene presente che per nove settimane il costo è di 25mila dollari, mentre i corsi intensivi per manager da nove o tre giorni che s'inaugureranno in autunno costeranno rispettivamente 15mila e 12mila dollari.

I 40 ammessi alla prima Summer School sono perlopiù scienziati, imprenditori di successo, consiglieri di primi ministri. Hanno in media 31 anni e la metà di loro viene da fuori gli Stati Uniti. Le lezioni sono iniziate il 29 giugno e si concluderanno il prossimo mese con la presentazione di quattro progetti che hanno già finanziatori interessati. Già fioccano i commenti entusiasti da quello del britannico Simon Daniel, esperto di energie rinnovabili e fondatore della Moixa, che ieri sul Financial Times ha definito la scuola un "incrocio tra South Park e l'Harvard Business School", a quello dell'indiano V. J. Anma, un imprenditore indiano, che ha paragonato l'intensità dei corsi al "bere da un estintore".

Solo nelle prime settimane gli studenti si sono trovati a esaminare il Dna del batterio Escherichia coli, a provare un simulatore di volo da 100 milioni, sperimentare l'assenza di gravità in volo, discutere con l'astronauta Dan Barry sulle reazioni del corpo umano nello spazio e visitare il supercalcolatore Cray XT4 capace di elaborare trilioni di operazioni al secondo. A vivere esperienze davvero fuori dall'ordinario. Per chi avesse voglia di provarle le iscrizioni al prossimo anno accademico sono già aperte: i posti a disposizione saranno 120, la retta però sarà sempre la stessa.

(23 agosto 2009)

venerdì 21 agosto 2009

[compiti a caso] mp3 voice editor

sara barletta to me show details 10/20/07
Follow up message
6:14 PM sara: ci sei?
me: sì
6:21 PM devi mandarmi l'mp3, altrimenti non lo leggo..
sara: ma nn hai audacity?
6:22 PM me: si, ma mi dice che questo è il progetto
ma non ha il file..
sara: ma se è salvat sul desk top
6:23 PM me: .aup
estensione file.aup
devi salvarlo come mp3
6:26 PM sara: ma nn mi mette qst opzione
me: quando dici salva?
controllo
6:27 PM sara: vai a salva con nome
invece di (aup)
scrivo mp3
?
6:28 PM me: vai a
export as mp3
invece tu salvi il progetto
6:31 PM sara: ho capito
ma mi dice impossibile
aprire la libreria
per la codifica mp3
se faccio in qst altro modo
me: ..pure a me!
6:32 PM e esportando il wav?
proviamo
5 minutes
6:37 PM me: allora..
il wav lo ha salvato
alla grande
sara: si però io nn ho capito
asp
11 minutes
6:48 PM sara: allora?
6:49 PM me: beh?
sara: a te funziona o no?
me: il wav...sì!
sara: quindi puoi mandare tu?
6:50 PM me: no!
non ho il file!
io ho registrato un mio urlaccio per provare...
6:53 PM sara: devi iscaricare LAME
ALTRIMENTI NN LO LEGGE
COME MP3
me: ah
6:54 PM ma sono solo 4 K
il mio!
sara: BHò
6:58 PM http://lame.buanzo.com.ar/
IL PRIMO
me: ah ah
6:59 PM sara: ESTRAI IL CONTENUTO
me: e lo metto in..?
7:01 PM sara: SUL DESKTOP
lame_enc.dll
HAI TROVATO QUESTO?
me: ok

sara: ok
ora apri audacity
quando fai file->Export as MP3
dovrebbe chiederti dove si trova quel file
7:06 PM me: sì, il mio l'ha fatto
sara: il mio no.
me: ...ma non ho il tuo..eh eh
sara: asp
me: ho solo il progetto
13 minutes
7:19 PM sara: che versione hai di audacity?
7:20 PM me: non lo dice, mi pare
7:21 PM sara: vai ad aiuto e leggi
me: 1.2.4
sara: io 1.3 e qualcosa
me: meglio che mi mandi l'mp3 tuo
sara: per qst quel procedimento nn v
cn me



LAME MP3 Encoder

A causa dei brevetti sui software, non possiamo distribuire programmi per la compressione in MP3. Seguite queste istruzioni per usare l'encoder libero LAME per esportare file MP3 con Audacity.

Windows

  1. Andate alla pagina di download di LAME.
  2. Cliccate su uno qualsiasi della lista dei "lame-3.96.1" links.
  3. Quando avete scaricato LAME, scompattatelo e salvate il filelame_enc.dll ovunque sul vostro computer.
  4. La prima volta che userete il comando "Esporta come MP3", Audacity vi chiederà dove avete salvato il file lame_enc.dll.

    http://audacity.sourceforge.net/download/lame?lang=it


martedì 11 agosto 2009

[appello 23 settembre 2009] Cosa fare

Spinelli Federica Qual'è la frase che ripetono tutti da milioni di anni e che fà tanto inca****e ORAZIO detto...Converso??? and the answer is... "Professò ma per l'esame che dobbiamo fare"????
(da leggere con accento cosentinazzo o paesanotto"!!!! :-)
un saluto al mio cappelaio matto preferito!
Sun at 11:51pm · · · See Wall-to-Wall
Per le fatiche estive di Patrizia e compagni: comincia con il gtalk e le voice mail.
http://ambientidigitali.blogspot.com/2009/06/barcamp-voice-mail.html




un caso recente http://voxsophiae.unical.it:7070/ramgen/groc/ambientidigitali/vincent88sATgmail.com.mp3
poi prosegui (avrai già condiviso la tua Carta d'Identità Digitale, ... of course) con gli inviti: aggiungi contatti al tuo gtalk, invita dei collaboratori al tuo blog, collabora ai blog degli altri, spulcia i video degli esami di giugno, scrivi qui su ambienti...

lunedì 10 agosto 2009

l'uomo e la scimmia poi è una perla

These messages were sent while you were offline.

4:30 PM rita: editoooooooooooor
ma perché non riesco mai a beccarti in linea?

4:31 PM ho visto i video su youtube
wao!
sono bravissimi
l'uomo e la scimmia poi è una perla


a presto

domenica 9 agosto 2009

[Compiti a caso] Senti Internet su Italia Radio (1995)

Una trasmissione sulla rete/in rete trasmessa ogni settimana.
Senti Internet:
"la rete in Italia farà la fine della televisione? (1995-2010)"


[compiti a caso] google/insight su Mondo

[compiti a caso] i filtri della gmail


Utilizzo dei filtri - Guida di Gmail I filtri di Gmail ti permettono di gestire il flusso dei messaggi in arrivo. ... Home page di Gmail · Argomenti della guida · Account personale · Messaggi ...mail.google.com/support/bin/answer.py?hl=it... Mostra altri risultati da mail.google.com


sabato 8 agosto 2009

Il canto a più voci delle balene della groenlandia



Una nuova notizia ci giunge dai ricercatori della stazione scientifica di Disko Bay, dell'università di Copenaghen. Da tempo è risaputo che le balene producono canti d'amore, ma la cosa particolare è che la Balena Franca della Groenlandia emetta delle canzoni a più voci,talvolta mischiate fra di loro, fenomeno del tutto inesistente in altre specie di balene.
Questo repertorio di canzoni cambia ogni anno, si presume per attirare di volta in volta il patner e per non fare estinguere la specie.Inoltre queste balene sono le uniche ad emettere canzoni molto complicate che raggiungono le frequenze più alte ( dai 100 ai 2000 Hertz).
E' l'unica specie dove i ricercatori non sono ancora riusciti a distinguere se il canto provenga dalla femmina o dal maschio.


Orale


L'espressione orale non è mai solo verbale, ma è uno stile di vita 'verbomotorio', che coinvolge il corpo intero dell'individuo in ogni attività: ogni azione e interazione è retorica.

(..) L'udito, a differenza della vista che isolando i singoli elementi li separa, li unifica e li armonizza.
“Un'economia verbale dominata dal suono tende verso l'aggregazione (armonia) piuttosto che verso l'analisi disaggregante (che compare assieme alla parola scritta, visualizzata). Tende anche all'olismo conservatore (il presente omeostatico che dev'essere mantenuto intatto, le espressioni formulaiche che devono essere conservate), al pensiero situazionale (di nuovo olista, con l'azione umana al suo centro) piuttosto che a quello astratto, ad una organizzazione della conoscenza centrata attorno alle azioni di esseri umani o antropomorfi, piuttosto che attorno a cose impersonali”.
[http://www.politicamentecorretto.com/index.php?news=4138]

Fin qui la Tussi; poi, possiamo avvicinare l'oralità secondaria, quella che ci interessa, cioè di persone che parlano come magnano e che scrivono come parlano in telematica: è di massa, praticata fuori dalle scuole (alleluja), confonde i vari piani ma solo perchè li ignora; non sa scrivere secondo la definizione di una professoressa e se-è-per-questo non sa neanche parlare; affastella parole sulla tastiera che seguono solo il flusso della comunicazione che sente immediata ma che pretende scritta hic et nunc per sempre.
La sua oralità è senza corpo, senza voce, ma anche senza sintassi o paratassi: eppure funziona grezzamente, va allo scopo.
La nuova oralità presenta somiglianze con la vecchia per la sua mistica partecipatoria, il senso della comunità, la concentrazione sul presente e addirittura per l'uso di alcune formule, ma essa genera il senso di appartenenza a gruppi molto più ampi - a ciò che McLuhan chiama “villaggio universale”..
La telematica non rovina niente, dato che prima di andare alla tastiera costui non sa parlare e neanche scrivere, anzi questa telematica (sms o email, non conta) sblocca un interdetto: rimette in gioco le parole e non per giocare, ma per esprimere, dire, fare.

Chi è che ha detto, quel genio, che crediamo di dover parlare come ci hanno insegnato alcune maestre alle scuole elementari, una lingua castrata e inutilmente formalizzata da altri - come le espressioni matematiche che a noi non dicono altro che " esercitami !".

Vediamo, copia incolla e via, un testo cercato con google sulla funzione delle maestre e della scuola.
Don Milani
Lettera ai giudici Barbiana 18 ottobre 1965

Signori Giudici,

vi metto qui per scritto quello che avrei detto volentieri in aula. Non sarà infatti facile ch’io possa venire a Roma perché sono da tempo malato. […]

La mia è una parrocchia di montagna. Quando ci arrivai c'era solo una scuola elementare. Cinque classi in un'aula sola. I ragazzi uscivano dalla quinta semianalfabeti e andavano a lavorare. Timidi e disprezzati. Decisi allora che avrei speso la mia vita di parroco per la loro elevazione civile e non solo religiosa. Così da undici anni in qua, la più gran parte del mio ministero consiste in una scuola. Quelli che stanno in città usano meravigliarsi del suo orario. Dodici ore al giorno, 365 giorni l'anno. Prima che arrivassi io i ragazzi facevano lo stesso orario (e in più tanta fatica) per procurare lana e cacio a quelli che stanno in città. Nessuno aveva da ridire. Ora che quell'orario glielo faccio fare a scuola dicono che li sacrifico. La questione appartiene a questo processo solo perché vi sarebbe difficile capire il mio modo di argomentare se non sapeste che i ragazzi vivono praticamente con me. Riceviamo le visite insieme. Leggiamo insieme: i libri, il giornale, la posta. Scriviamo insieme. […]

Ora io sedevo davanti ai miei ragazzi nella duplice veste di maestro e di sacerdote e loro mi guardavano sdegnati e appassionati. Dovevo ben insegnare come il cittadino reagisce all'ingiustizia. Come ha libertà di parola e di stampa. Come il cristiano reagisce anche al sacerdote e perfino al vescovo che erra. Come ognuno deve sentirsi responsabile di tutto. Su una parete della nostra scuola c'è scritto grande “I care”. È il motto intraducibile dei giovani americani migliori. “Me ne importa, mi sta a cuore”. È il contrario esatto del motto fascista “Me ne frego”. Quando quel comunicato era arrivato a noi era già vecchio di una settimana. Si seppe che né le autorità civili, né quelle religiose avevano reagito. Allora abbiamo reagito noi. Una scuola austera come la nostra, che non conosce ricreazione né vacanze, ha tanto tempo a disposizione per pensare e studiare. Ha perciò il diritto e il dovere di dire le cose che altri non dice. È l'unica ricreazione che concedo ai miei ragazzi. Abbiamo dunque preso i nostri libri di storia (umili testi di scuola media, non monografie da specialisti) e siamo riandati cento anni di storia italiana in cerca d'una “guerra giusta”. D'una guerra cioè che fosse in regola con l'articolo 11 della Costituzione. Non è colpa nostra se non l'abbiamo trovata. Da quel giorno a oggi abbiamo avuto molti dispiaceri: Ci sono arrivate decine di lettere anonime di ingiurie e di minacce firmate solo con la svastica o col fascio. Siamo stati feriti da alcuni giornalisti con “interviste” piene di falsità. Da altri con incredibili illazioni tratte da quelle “interviste” senza curarsi di controllarne la serietà. Siamo stati poco compresi dal nostro stesso Arcivescovo (Lettera al Clero 14-4-1965). La nostra lettera è stata incriminata.

Ci è stato però di conforto tenere sempre dinanzi agli occhi quei 31 ragazzi italiani che sono attualmente in carcere per un ideale. Così diversi dai milioni di giovani che affollano gli stadi, i bar, le piste da ballo, che vivono per comprarsi la macchina, che seguono le mode, che leggono giornali sportivi, che si disinteressano di politica e di religione. Un mio figliolo ha per professore di religione all'Istituto Tecnico il capo di quei militari cappellani che han scritto il comunicato. Mi dice di lui che in classe parla spesso di sport. Che racconta di essere appassionato di caccia e di judo. Che ha l'automobile. Non toccava a lui chiamare “vili e estranei al comandamento cristiano dell'amore” quei 31 giovani. I miei figlioli voglio che somiglino più a loro che a lui. E ciò nonostante non voglio che vengano su anarchici. A questo punto mi occorre spiegare il problema di fondo di ogni vera scuola. E siamo giunti, io penso, alla chiave di questo processo perché io maestro sono accusato di apologia di reato cioè di scuola cattiva. Bisognerà dunque accordarci su ciò che è scuola buona. La scuola è diversa dall'aula del tribunale. Per voi magistrati vale solo ciò che è legge stabilita. La scuola invece siede fra il passato e il futuro e deve averli presenti entrambi. È l'arte delicata di condurre i ragazzi su un filo di rasoio: da un lato formare in loro il senso della legalità (e in questo somiglia alla vostra funzione), dall'altro la volontà di leggi migliori cioè il senso politico (e in questo si differenzia dalla vostra funzione). La tragedia del vostro mestiere di giudici è che sapete di dover giudicare con leggi che ancora non son tutte giuste.

Son vivi in Italia dei magistrati che in passato han dovuto perfino sentenziare condanne a morte. Se tutti oggi inorridiamo a questo pensiero dobbiamo ringraziare quei maestri che ci aiutarono a progredire, insegnandoci a criticare la legge che allora vigeva. Ecco perché, in un certo senso, la scuola è fuori del vostro ordinamento giuridico. Il ragazzo non è ancora penalmente imputabile e non esercita ancora diritti sovrani, deve solo prepararsi a esercitarli domani ed è perciò da un lato nostro inferiore perché deve obbedirci e noi rispondiamo di lui, dall'altro nostro superiore perché decreterà domani leggi migliori delle nostre. E allora il maestro deve essere per quanto può profeta, scrutare i “segni dei tempi”, indovinare negli occhi dei ragazzi le cose belle che essi vedranno chiare domani e che noi vediamo solo in confuso. Anche il maestro è dunque in qualche modo fuori del vostro ordinamento e pure al suo servizio. Se lo condannate attenterete al progresso legislativo.
In quanto alla loro vita di giovani sovrani domani, non posso dire ai miei ragazzi che l'unico modo d'amare la legge è d'obbedirla. Posso solo dir loro che essi dovranno tenere in tale onore le leggi degli uomini da osservarle quando sono giuste (cioè quando sono la forza del debole).

Quando invece vedranno che non sono giuste (cioè quando sanzionano il sopruso del forte) essi dovranno battersi perché siano cambiate. La leva ufficiale per cambiare la legge è il voto. La Costituzione gli affianca anche la leva dello sciopero. Ma la leva vera di queste due leve del potere è influire con la parola e con l'esempio sugli altri votanti e scioperanti. E quando è l'ora non c'è scuola più grande che pagare di persona un'obiezione di coscienza. Cioè violare la legge di cui si ha coscienza che è cattiva e accettare la pena che essa prevede. È scuola per esempio la nostra lettera sul banco dell'imputato e è scuola la testimonianza di quei 31 giovani che sono a Gaeta. Chi paga di persona testimonia che vuole la legge migliore, cioè che ama la legge più degli altri. Non capisco come qualcuno possa confonderlo con l'anarchico. Preghiamo Dio che ci mandi molti giovani capaci di tanto. Questa tecnica di amore costruttivo per la legge l'ho imparata insieme ai ragazzi mentre leggevamo il Critone, l'Apologia di Socrate, la vita del Signore nei quattro Vangeli, l'autobiografia di Gandhi, le lettere del pilota di Hiroshima. Vite di uomini che son venuti tragicamente in contrasto con l'ordinamento vigente al loro tempo non per scardinarlo, ma per renderlo migliore. L'ho applicata, nel mio piccolo, anche a tutta la mia vita di cristiano nei confronti delle leggi e delle autorità della Chiesa. Severamente ortodosso e disciplinato e nello stesso tempo appassionatamente attento al presente e al futuro. Nessuno può accusarmi di eresia o di indisciplina. Nessuno d'aver fatto carriera. Ho 42 anni e sono parroco di 42 anime! Del resto ho già tirato su degli ammirevoli figlioli. Ottimi cittadini e ottimi cristiani. Nessuno di loro è venuto su anarchico. Nessuno è venuto su conformista. Informatevi su di loro. Essi testimoniano a mio favore.

Ma è poi reato?
Vi ho dunque dichiarato fin qui che se anche la lettera incriminata costituisse reato era mio dovere morale di maestro scriverla egualmente. Vi ho fatto notare che togliendomi questa libertà attentereste alla scuola cioè al progresso legislativo. L'Assemblea Costituente ci ha invitati a dar posto nella scuola alla Carta Costituzionale “al fine di rendere consapevole la nuova generazione delle raggiunte conquiste morali e sociali”. (ordine del giorno approvato all'unanimità nella seduta dell'11 Dicembre 1947). Una di queste conquiste morali e sociali è l'articolo 11: “L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli”. Voi giuristi dite che le leggi si riferiscono solo al futuro, ma noi gente della strada diciamo che la parola ripudia è molto più ricca di significato, abbraccia il passato e il futuro. È un invito a buttar tutto all'aria: all'aria buona. La storia come la insegnavano a noi e il concetto di obbedienza militare assoluta come la insegnano ancora. È dalla premessa di come si giudicano quelle guerre che segue se si dovrà o no obbedire nelle guerre future. Quando andavamo a scuola noi i nostri maestri, Dio li perdoni, ci avevano così bassamente ingannati. Alcuni poverini ci credevano davvero: ci ingannavano perché erano a loro volta ingannati. Altri sapevano di ingannarci, ma avevano paura. I più erano forse solo dei superficiali. A sentir loro tutte le guerre erano “per la Patria”.

Esaminiamo ora quattro tipi di guerra che “per la Patria” non erano. I nostri maestri si dimenticavano di farci notare una cosa lapalissiana e cioè che gli eserciti marciano agli ordini della classe dominante. In Italia fino al 1880 aveva diritto di voto solo il 2% della popolazione. Fino al 1909 il 7%. Nel 1913 ebbe diritto di voto il 23%, ma solo la metà lo seppe o lo volle usare. Dal '22 al '45 il certificato elettorale non arrivò più a nessuno, ma arrivarono a tutti le cartoline di chiamata per tre guerre spaventose. Oggi di diritto il suffragio è universale, ma la Costituzione (articolo 3) ci avvertiva nel '47 con sconcertante sincerità che i lavoratori erano di fatto esclusi dalle leve del potere. Siccome non è stata chiesta la revisione di quell'articolo è lecito pensare (e io lo penso) che esso descriva una situazione non ancora superata. Allora è ufficialmente riconosciuto che i contadini e gli operai, cioè la gran massa del popolo italiano, non è mai stata al potere. Allora l'esercito ha marciato solo agli ordini di una classe ristretta. Del resto ne porta ancora il marchio: il servizio di leva è compensato con 93.000 al mese per i figli dei ricchi e con 4.500 lire al mese per i figli dei poveri, essi non mangiano lo stesso rancio alla stessa mensa, i figli dei ricchi sono serviti da un attendente figlio dei poveri. Allora l'esercito non ha mai o quasi mai rappresentato la Patria nella sua totalità e nella sua eguaglianza. Del resto in quante guerre della storia gli eserciti han rappresentato la Patria? Forse quello che difese la Francia durante la Rivoluzione. Ma non certo quello di Napoleone in Russia. Forse l'esercito inglese dopo Dunkerque. Ma non certo l'esercito inglese a Suez. Forse l'esercito russo a Stalingrado. Ma non certo l'esercito russo in Polonia. Forse l'esercito italiano al Piave. Ma non certo l'esercito italiano il 24 Maggio. Ho a scuola esclusivamente figlioli di contadini e di operai. La luce elettrica a Barbiana è stata portata quindici giorni fa, ma le cartoline di precetto hanno cominciato a portarle a domicilio fin dal 1861. […]

Che idea si potranno fare i giovani di ciò che è crimine?
Oggi poi le convenzioni internazionali son state accolte nella Costituzione (art. 10). Ai miei montanari insegno a avere più in onore la Costituzione e i patti che la loro Patria ha firmato che gli ordini opposti d'un generale. Io non li credo dei minorati incapaci di distinguere se sia lecito o no bruciar vivo un bambino. Ma dei cittadini sovrani e coscienti. Ricchi del buon senso dei poveri. Immuni da certe perversioni intellettuali di cui soffrono talvolta i figli della borghesia. Quelli per esempio che leggevano D'Annunzio e ci han regalato il fascismo e le sue guerre. A Norimberga e a Gerusalemme son stati condannati uomini che avevano obbedito. L'umanità intera consente che essi non dovevano obbedire, perché c'è una legge che gli uomini non hanno forse ancora ben scritta nei loro codici, ma che è scritta nel loro cuore. Una gran parte dell'umanità la chiama legge di Dio, l'altra parte la chiama legge della Coscienza. Quelli che non credono né nell'una né nell'altra non sono che un'infima minoranza malata. Sono i cultori dell'obbedienza cieca. Condannare la nostra lettera equivale a dire ai giovani soldati italiani che essi non devono avere una coscienza, che devono obbedire come automi, che i loro delitti li pagherà chi li avrà comandati. E invece bisogna dir loro che Claude Eatherly, il pilota di Hiroshima, che vede ogni notte donne e bambini che bruciano e si fondono come candele, rifiuta di prender tranquillanti, non vuol dormire, non vuol dimenticare quello che ha fatto quand'era “un bravo ragazzo, un soldato disciplinato” (secondo la definizione dei suoi superiori) “un povero imbecille irresponsabile” (secondo la definizione che dà lui di sé ora). (carteggio di Claude Eatherly e Gunter Anders - Einaudi 1962).

Ho poi studiato a teologia morale un vecchio principio di diritto romano che anche voi accettate. Il principio della responsabilità in solido. Il popolo lo conosce sotto forma di proverbio: “Tant'è ladro chi ruba che chi para il sacco”. Quando si tratta di due persone che compiono un delitto insieme, per esempio il mandante e il sicario, voi gli date un ergastolo per uno e tutti capiscono che la responsabilità non si divide per due. Un delitto come quello di Hiroshima ha richiesto qualche migliaio di corresponsabili diretti: politici, scienziati, tecnici, operai, aviatori. Ognuno di essi ha tacitato la propria coscienza fingendo a se stesso che quella cifra andasse a denominatore. Un rimorso ridotto a millesimi non toglie il sonno all'uomo d'oggi. E così siamo giunti a quest'assurdo che l'uomo delle caverne se dava una randellata sapeva di far male e si pentiva. L'aviere dell'era atomica riempie il serbatoio dell'apparecchio che poco dopo disintegrerà 200.000 giapponesi e non si pente. A dar retta ai teorici dell'obbedienza e a certi tribunali tedeschi, dell'assassinio di sei milioni di ebrei risponderà solo Hitler. Ma Hitler era irresponsabile perché pazzo. Dunque quel delitto non è mai avvenuto perché non ha autore. C'è un modo solo per uscire da questo macabro gioco di parole. Avere il coraggio di dire ai giovani che essi sono tutti sovrani, per cui l'obbedienza non è ormai più una virtù, ma la più subdola delle tentazioni, che non credano di potersene far scudo né davanti agli uomini né davanti a Dio, che bisogna che si sentano ognuno l'unico responsabile di tutto. A questo patto l'umanità potrà dire di aver avuto in questo secolo un progresso morale parallelo e proporzionale al suo progresso tecnico. […]

Che io sappia nessun teologo ammette che un soldato possa mirare direttamente (si può ormai dire esclusivamente) ai civili. Dunque in casi del genere il cristiano deve obiettare anche a costo della vita. Io aggiungerei che mi pare coerente dire che a una guerra simile il cristiano non potrà partecipare nemmeno come cuciniere. Gandhi l'aveva già capito quando ancora non si parlava di armi atomiche. “Io non traccio alcuna distinzione tra coloro che portano le armi di distruzione e coloro che prestano servizio di Croce Rossa. Entrambi partecipano alla guerra e ne promuovono la causa. Entrambi sono colpevoli del crimine della guerra” (Nonviolence in peace and war. Ahmedabad 14 vol. 1). Allora la guerra difensiva non esiste più. Allora non esiste più una “guerra giusta” né per la Chiesa né per la Costituzione. […]

E noi stiamo qui a questionare se al soldato sia lecito o no distruggere la specie umana? Spero di tutto cuore che mi assolverete, non mi diverte l'idea di andare a fare l'eroe in prigione, ma non posso fare a meno di dichiararvi esplicitamente che seguiterò a insegnare ai miei ragazzi quel che ho insegnato fino a ora. Cioè che se un ufficiale darà loro ordini da paranoico hanno solo il dovere di legarlo ben stretto e portarlo in una casa di cura. Spero che in tutto il mondo i miei colleghi preti e maestri d'ogni religione e d'ogni scuola insegneranno come me. Poi forse qualche generale troverà ugualmente il meschino che obbedisce e così non riusciremo a salvare l'umanità. Non è un motivo per non fare fino in fondo il nostro dovere di maestri. Se non potremo salvare l'umanità ci salveremo almeno l'anima.

Don Milani

La scrittura Vs i computer

Molti si sorprendono quando vengono a sapere che quasi le stesse obiezioni che oggi sono comunemente rivolte ai computer venivano mosse alla scrittura da Platone, nel Fedro (274-7) e nella Settima lettera.
La scrittura, Platone fa dire a Socrate nel Fedro, è disumana perchè finge di ricreare fuori della mente ciò che in realtà può esistere solo al suo interno. La scrittura è una cosa, un manufatto (..) [Ong]

In realtà (Havelock) ha eccellentemente dimostrato che tutta l'epistemologia platonica inconsapevolmente si fondava proprio su un rifiuto del vecchio mondo della cultura orale, mobile e caldo, il mondo delle interazioni personali, rappresentato dai poeti, che egli non aveva voluto nella sua Repubblica.
[Ong]

In MondoAiLati e poi in ellEbOro la natura orale del discorso che si teneva era del tutto evidente, infatti negli inserti scritti si rilevava un rallentamento e si deprecava una evidente mancanza di dinamismo; sebbene tutto fosse scritto=>digitato si era convinti naturalmente di parlare con gli altri, si mimavano persino i gesti, per così dire, si evocava di continuo il corpo a garante della vivezza ed attualità del discorso.
Anche ora magari si pretende il
voicemail - let-te-ral-men-te - come referente della vocalità e dell'oralità..


La tastiera

Leggo su una rivista le meraviglie dei videogiochi con i loro super controller, consentono un'interattività ed un realismo d'esperienza "totale", capito?
I citrulli son serviti e contenti.

Affondare il rapporto con la macchina, dissimularlo, saltarlo. Godiamoci allora questo momento in cui il pc è ben presente, ci fa spesso lo sgambetto, gli dobbiamo scrivere con la tastiera, muovergli le cose con il mouse.. - meraviglie della tecnologia delle parole!


il mare è ovunque (videorlab, 2001)

donna con testa classica (facebook, 2009)
Spieghiamo bene, pieghiamoci alla necessità, dispieghiamoci, ordunque.
Il software è fatto di parole, concetti , vabbè, ma è pur sempre sostanzialmente algoritmo; la riproposizione di sequenze logiche che eseguono automaticamente i tuoi comandi; il fatto è che, però, la concettualizzazione segue sempre da vicino l'enumerazione, il sequenziamento, etc. - ci sono sempre metafore che sorreggono le dimostrazioni, oltre che metonimìe che inventano gli assunti iniziali.
Mi segui? "Un discorso continuamente metaforico mi sfibra..."
L'oscurità incombe, ri-s-pieghiamoci. Se non ci fossero consonanti con vocali, parole scritte così sil-la-ban-do, logistica del pensiero che prende posizione ed è visibile a tal punto da restare impresso, non ci sarebbe scienza possibile, non ci sarebbe tecnologia, ecco la natura verbale delle macchine numeriche e dell'elettronica digitale che fonda solidamente i discorsi.
Chiunque scriva del software tiene un discorso. Anche chi definisce soltanto i sistemi operativi. Un discorso oggi non è soltanto quello che letteralmente si viene a tenere in un dato contesto, da una persona, a più persone, ma si articola in tempi e spazi diversi senza soluzioni di continuità.

http://www.comunicazione.uniroma1.it/materiali/17.27.41_ong4.pdf
Finnegan’s Wake è stato scritto per essere stampato: con la sua ortografia e con i suoi usi idiosincratici, sarebbe praticamente impossibile riprodurlo a mano con accuratezza, in più copie. Non c’è mimesi, qui, in senso aristotelico, se non ironicamente. In realtà la scrittura è il vivaio dell’ironia, e più a lungo dura la tradizione della scrittura (e della stampa), più cresce l’ironia (57).


L'ironia sarebbe sinonimo di distanza, capacità e possibilità di distaccarsi dall'oggetto. Ed il codice? Chi scrive software ha una autorialità rintracciabile fino a divenire una marca ? Può concepirsi un software empatico?

[stage 20-10] committenti


Ci si deve chiedere di allestire un Reference che coinvolga gli utenti nella ideazione e gestione di attività diverse, ma che li riguardino, con un processo di cooptazione sul campo a tre-quattro livelli di partecipazione - per esempio, utente, utente esperto, redattore, editor.
Il committente deve essere interno all'università, ma anche esterno e vicino alla mission della formazione on the job** e del customer involvement*

Utilizzare il termine Reference serve a specificare subito l'accezione colta che si intente del callcenter, della sala controllo, del centro logistico a distanza, dei servizi di supporto alla comunicazione (contatto e redazione); serve a chiarire che si collabora all'evoluzione delle stategie primordiali delle attuali strutture sia nel versante editoriale che in quello direttamente di advertising

Cosa offriamo di diverso, quando affianchiamo il "sito" con un "reference" contattabile come CallWeb [non è una semplice operazione di affiancamento]: qualche nota fondamentale in merito:
  • c'è una parte scritta, di sistema, il codice, il software - progettabile, di una consigliabile stabilità dinamica nei database (quelli che scrivono l'interfaccia a partire dalle attività dei frequentatori, dei processi e dei prodotti);
  • ed una parte orale, fluida per sua natura, instabile perchè compromessa in diretta, di persone con altre persone, una opzione di massa indispensabile alla comunicazione specializzata del digitale;
Lavoriamo nei Reference direttamente alla liquidazione delle code tayloristiche e deterministiche del neo-vetero (sic!) capitalismo che accompagna inevitabilmente l'esplosione inquietante delle strategie innovative della matematica dell'incerto, dei linguaggi aperti, del dumping delle tecnologie sulle tecnologie stesse (vedi notizia di questi giorni se vuoi http://uniet.blogspot.com/2009/08/un-laboratorio-chimico-in-un-chip.html).


* Formazione permanente del lavoratore dipendente
Memorandum sull'istruzione e la formazione permanente
Insegnare e apprendere: verso la società conoscitiva
La flessibilità del lavoro e dell'occupazione
** Customer involvement
http://www.arredanegozi.it/PDF/POP_DISPLAY/pop&display_92.pdf
http://www.abstract.it/technical-area/european-plone-symposium-2009/agile-project-management
http://www.telecomitalia.it/
http://www.springerlink.com/content/j71n209n8gg4t1a8/
  1. http://home.dei.polimi.it/ghezzi/_PRIVATE/Capra.pdf La gran parte dei metodi agili tentano di ridurre il rischio di fallimento sviluppando il software in finestre di tempo limitate chiamate iterazioni ..anche se ogni singola iterazione non ha sufficienti funzionalità da essere considerato completo deve essere rilasciato e, nel susseguirsi delle iterazioni, deve avvicinarsi sempre di più alle richieste del cliente. Alla fine di ogni iterazione il team deve rivalutare le priorità di progetto....I metodi agili preferiscono la comunicazione in tempo reale, preferibilmente faccia a faccia, a quella scritta (documentazione). Il team agile è composto da tutte le persone necessarie per terminare il progetto software. Come minimo il team deve includere i programmatori ed i loro clienti. (con clienti si intendono le persone che definiscono come il prodotto dovrà essere fatto. Possono essere dei product manager, dei business analysts, o veramente dei clienti).
  2. quelli che costituiscono il suo vero vantaggio competitivo e che sono quasi sempre "nascosti" nei processi collaborativi. L’azienda normalizzata è scarsamente competitiva e difficilmente resiste alla globalizzazione.Noi pensiamo che soprattutto le aziende italiane debbano utilizzare l’informatica per valorizzare al meglio la capacità delle persone, il vero elemento competitivo.
  3. bibliotime social reference manager + Gestione e organizzazione di qualsiasi tipo di risorsa on line, selezionata dal singolo utente e condivisa con una comunità virtuale

people